Home Lavoro Come creare un curriculum efficace

Come creare un curriculum efficace

by ilmegliodime
come creare un curriculum efficace. Immagine di un uomo che scrive al pc il suo CV

STAI CERCANDO LAVORO e ci sono diverse proposte per cui vuoi candidarti? Allora devi assicurarti di PRESENTARTI AL MEGLIO e di ATTIRARE L'ATTENZIONE di chi scruterà tutte le candidature!

Come? Creando un CURRICULUM EFFICACE che risalti rispetto agli altri!

IL CURRICULUM È IL VOSTRO BIGLIETTO DA VISITA.

È generalmente ciò che determinerà se verrete chiamati per un colloquio, in cui avrete la possibilità di mostrarvi al meglio e di fare colpo, oppure no. È quindi fondamentale riuscire a superare questo step.

Per farlo è indispensabile che il vostro CV vi presenti al meglio. Se invierete un CV con errori grammaticali, con una struttura poco curata, senza aver selezionato al meglio quali informazioni inserire verrete subito percepiti come una persona sfaticata, che non ci tiene a quel lavoro, che non si applica al massimo. Magari non siete così, ma chi scruterà il vostro curriculum non vi conosce, non ha mai parlato con voi, si può basare solo su quel documento.

Quando ci si candida per una posizione lavorativa è chiaro che ci saranno altre persone che si sono proposte ed è quindi fondamentale riuscire a spiccare rispetto agli altri.

In che modo? Con la struttura giusta del curriculum che farà sì che lo scrutatore si ricordi il tuo nome.

È infatti fondamentale evitare di essere uno dei tanti curriculum confusi e disordinati, lunghi e pieni di informazioni superflue.

Ecco quindi i miei consigli su come creare un curriculum  efficace:

  1. La lunghezza ottimale del CV è di una facciata. Evita di creare un curriculum di diverse pagine. L’azienda riceverà moltissime candidature, non dedicherà molto tempo al singolo CV.
  2. Non inviare lo stesso identico CV a tutte le aziende. Ogni candidatura deve avere un CV a parte. Creati un modello e adattalo ad ogni acandidatura facendo risaltare le competenze e le esperienze più rilevanti per l’azienda.
  3. In Italia purtroppo le esperienze di volontariato non hanno molto valore sul CV ma invece all’estero non è così. Se ti stai candidando per un’azienda estera e puoi quindi prendere in considerazione di inserire anche quelle.
  4. Se c’è la possibilità di farlo allega una lettera di presentazione. È un documento di una facciata circa in cui ti descrivi come persona, spieghi chi sei, che percorso ed esperienze hai fatto e perché vorresti ottenere quel posto di lavoro. Anche in questo caso creati un modello e riadattalo per ogni candidatura. Questo documento è molto importante perché a differenza del CV che è molto impostato e “freddo”, non facendo trasparire quasi nulla della tua personalità, nella lettera di presentazione puoi far colpo come persona.

STRUTTURA IDEALE DEL CV:

  1. Il tuo nome deve essere ben visibile, al centro del documento e grande. In tanti modelli di curriculum che si trovano online il nome viene inserito come una delle tante informazioni secondarie, poco visibile, con un font e dimensione che non attira per niente l’attenzione, questo farà sì che il vostro nome venga dimenticato immediatamente e che sarete solo uno dei tanti candidati. Quando sfoglieranno tutti i curriculum ricevutI devono riconoscere subito qual è il vostro curriculum, non devono fare fatica a cercare il nome in tutto il documento.
  2. Sotto al nome, sempre in alto al centro del documento inserisci tutti i dati principali come: il tuo profilo linkedin, i tuoi contatti (Email e telefono), la tua data di nascita e la tua nazionalità.
  3. Dedicate una sezione alla vostra formazione. Scrivete quali scuole avete frequentato, che indirizzo, in quale periodo e dove. C’è chi gradisce che venga inserito anche il voto finale.
  4. La seconda sezione è dedicata alle vostre competenze linguistiche, informatiche ecc. Cercate di inserire tutte le competenze che avete sviluppato pertinenti alla posizione per cui vi state candidando.
  5. L’ultima sezione è dedicata alle vostre esperienze lavorative. Anche in questo caso non dovete inserire tutte le esperienze fatte nel corso della vostra vita ma solo quelle pertinenti e collegate alla posizione per cui vi state candidando. Cercate di selezionare le 3/4 esperienze più rilevanti e specificate il ruolo che avete ricoperto, il periodo, il luogo e una piccola descrizione delle mansioni che svolgevate e delle competenze che avete sviluppato.

Se sei curioso di sapere chi sono e conoscere la mia storia, puoi trovarla qui.

Vuoi leggere la storia del blog? clicca qui!

Vuoi entrare a far parte attivamente della community unendoti al gruppo Facebook?

Ti potrebbe anche interessare

Leave a Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Accetto Maggiori informazioni